The cart is empty

Spinning ai MOSTRI

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

SNAKEHEAD

Regno: Animalia
Phylum: Chordata
Classe: Actinopterygii
Ordine: Perciformes
Famiglia: Channidae
Genere: Atractosteus
Specie:  
Sottospecie:  
Nomenclatura trinomiale
--------

La Channidae è una famiglia di pesci di acqua dolce, perciformi, è conosciuto comunemente come snakeheads ed è nativo dell’ Africa e dell’Asia. Ci sono due generi , Channa in Asia e Parachanna in Africa, consistenti di 30-35 specie. Questi i pesci predatori sono distinti da una lunga aletta dorsale, da una piccola testa,una grande bocca e denti. Hanno una necessità fisiologica di respirare l'aria atmosferica, che fanno con l’organo suprabranchiale: è una forma primitiva dell’organo del labirinto.
Sono considerati pesci importanti per l'alimentazione. Le più grandi specie sono la Striata di Channa, Maculata di Channa o Il obscura di Parachanna che è allevato in acquicoltura. L’alimentazione degli Snakeheads è il plancton acquatico, insetti e molluschi da piccolo. Quando diventa adulto, principalmente si alimenta di altri pesci come la carpa, o di rane. In casi rari si nutre di piccoli mammiferi come i topi . Il formato delle specie dello snakehead differisce notevolmente. Gli "snakeheads nani" come Il gachua di Channa diventa 10 pollici (25 centimetri). La maggior parte dei snakeheads sviluppano fino a 2 o 3 ft. (60 –100 centimetri). Soltanto due specie (Il marulius di Channa ed i micropeltes di Channa) possono raggiungere una lunghezza oltre 1 metro e un peso maggiore di 6 chilogrammi.
È illegale mantenere gli snakeheads come animali domestici in tredici stati degli U.S.A. e di altri paesi poichè è diventata una specie invasiva. Principalmente gli irresponsabili proprietari che li abbandonano quando non sono più in grado di prendersene cura. Se lasciati in una zona reclusa proveranno ad uscire. Non è possibile tenerli in acquario poiché tenteranno di uscire, con la loro poderosa forza si lanceranno contro il vetro fino a romperlo.




Distribuzione nativa della famiglia Channidae.

Come abbiamo visto lo Snakeheads può diventare una specie invasiva e causare danni ecologici perché sono predatori di alto livello, praticamente non hanno nemici naturali fuori del loro ambiente nativo. Possono respirare non soltanto l'aria atmosferica, ma possono anche sopravvivere in terra fino a 4 giorni, se il terreno è bagnato, sono famosi per migrare sui terreni paludosi ad altri corsi d’acqua contorcendosi con il loro corpo ed alette.
Sono inoltre proibiti, da detenere in parecchi altri paesi, come L'Australia, perché la loro introduzione ai nuovi ecosistemi può spostare le specie indigene. Gli esseri umani stanno introducendo gli snakeheads nelle acque non-indigene da oltre 100 anni. Nelle zone dell'Asia e dell'Africa, lo snakehead è considerato un pesce importante per l’alimentazione ed è prodotto in acquicoltura, grazie a questo è stato introdotto con la scusa dell’importanza alimentare (motivazione delle industrie della pesca) o dall'ignoranza (come era il caso in Crofton).
Alcuni esempi dell'introduzione degli snakeheads in acque non indigene includono:
Il maculata di Channa è stato introdotto a Il Madagascar ed a L'Hawai intorno alla conclusione del diciannovesimo secolo. Può ancora essere trovato oggi là.
Lo striata di Channa è stato introdotto alle isole ad est del Linea del Wallace dai programmi governativi a metà successivo del ventesimo secolo. Nelle isole Fiji.
Channa asiatica, che è nativo della Cina del sud, è stato introdotto a Taiwan ed a sud del Giappone. In questo caso l'origine ed il motivo dell'introduzione sono sconosciuti, ma probabilmente sono dovuti all’intervento umano.
Channa Argus, che è nativo della Cina del Nord (Il fiume di Amur), è stato introdotto in Asia centrale (Kazakhstan, Turkmenistan, Uzbekistan). È stato introdotto in Giappone circa 100 anni fa con la motivazione delle industrie della pesca. La relativa introduzione in Cecoslovacchia fatta dal governo nel 1960 è fallita per via degli inverni troppo freddi.
Un lavoro completo sui pericoli dell'introduzione degli snakeheads alle acque non-indigene è quello del prof. W. Courtenay.


Hot spot negli Stati Uniti.
L’intervento dell’esercito ha fatto si che si trattasse di casi isolati. Un pescatore ha catturato un singolo snakehead Il 9 ottobre 2004 mentre pescava al Lago Michigan al porto del Burnham dentro Chicago, Illinois. Lo Snakeheads inoltre è stato pescato in Alabama, L'Arkansas, California, Colorado, Florida, Georgia, L'Hawai, L'Idaho, Il Kentucky, Il Mississippi, Il Nevada, North.carolina, L'Oregon, La Pensilvania, Il Texas, L'Utah e Washington.
Hot spot nel Regno Unito
Il 19 febbraio, 2008 è stato segnalato uno snakehead dal peso quasi di 3 libbre (1.4 chilogrammi) catturato nel fiume Witham vicino Hykeham Del nord, Lincolnshire. “Angler’s mail” ha confermato che era uno snakehead gigante Micropeltes di Channa. Ciò successivamente è risultato essere un falso.
La stampa quotidiana orientale della Norfolk ha segnalato in marzo:
Il parere di esperti scienziati dei pesci ha insistito che questa specie non potrebbe sopravvivere mai nel fiume ghiacciato della Lincolnshire per più di alcuni secondi. È stato così scoperto l’inganno del pescatore che lo aveva conservato nel congelatore per poi realizzare delle false immagini.

A pesca:
Lo snakehead è un predatore voracissimo, le sue mascelle hanno una forza mostruosa, tanto che i nostri artificiali sono seriamente danneggiati dalle sue abboccate. Vive solitamente adagiato sul fondo ma è attratto da tutto quello che succede in superficie. Il modo più emozionante di catturarlo è con imitazioni di rane e plughi galleggianti che abbiano l'effetto rattlin o con palette montate in testa per fare rumore. Per la caccia a spinning dovete immaginare di cercare un luccio, infatti sta in agguato dietro tronchi, cannucce o piccole anse in attesa della preda.
Lo snakehead resta a guardia delle proprie uova e dei propri piccoli per settimane, questo è il momento migliore per insidiare le grandi femmine, notoriamente più feroci ed aggressive. Possiamo riconoscere il posto dove cacciarlo cercando silenziosamente piccole nuvolette di avannotti rossi, li sotto c'è la madre a vegliare. Importante è avvicinarsi con cautela per non far affondare mamma e cuccioli. Il combattimento è poderoso quindi canne potenti e trecciati da 50 libbre.

Altre informazioni sullo Snakehead: http://fisc.er.usgs.gov

MINIMAMENTE

Sassifraghe ombrose le nostre anime, avvolte in un involucro alimentare

 

 

Latest News

18 Giugno 2016
18 Giugno 2016

Search